Carmen Souza al Blue Note

carmen-souza_bluenote

http://www.angelabartolo.it/wp-content/tn3/2/Carmen-Souza_BlueNote_20131205_021.jpg
  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_023

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_022

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_021

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_020

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_019

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_018

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_017

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_016

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_015

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_014

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_013

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_012

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_011

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_010

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_009

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_008

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_007

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_006

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_005

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_004

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_003

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_002

  • Carmen-Souza_BlueNote_20131205_001

 

Carmen Souza al Blue Note di Milano con i suoi ritmi caldi

Carmen Souza é certamente una delle voci più interessanti della nuova generazione della cosiddetta world music. Nata a Lisbona da una famiglia capoverdiana di estrazione cristiana, la sua musica fonde in sé tanti generi musicali, dalla Morna, al Batuke, al Jazz, al Soul e oltre.

Carmen parte dalla forza delle proprie radici per scoprire frontiere sempre nuove. Il suo modo di cantare è una versione del tutto personale della verve di Billie Holiday, Nina Simone e Casara Evoria, tra melodie inusuali, umori esotici, africanismi e scat jazz, vibrati controllati e frasi dall’andamento imprevedibile.

Il suo ultimo album Katchupada è stato il fulcro del concerto al Blue Note. Come l’omonimo piatto di Capoverde, che contiene una grande varietà di ingredienti e spezie, così eclettiche e sorprendenti sono la musica e la voce di Carmen Souza.

Oltre ai brani originali, firmati dalla stessa artista con musiche e arrangiamenti di Theo Pas’cal, spiccano cover di alcuni classici di Charlie Parker e Oscar Hammerstein III come My favourite things e Donna Lee a cui Carmen Sousa, riesce a dare un’impronta estremamente personale.

Una serata ricca di momenti intensi, una serata in cui Carmen Souza, alternando i diversi linguaggi con i quali è cresciuta, con la stessa facilità con cui alterna gli strumenti che suona ( chitarra – piano – rhodes e voce) ha offerto al pubblico del blue note una raffinata serata tra jazz e soul con momenti afro senza mai perdere la sua leggerezza.

Sul palco con Carmen, Theo Pascal (basso elettrico e contrabbasso) arrangiatore di una gran parte dei pezzi contenuti in Katchupada, Elias Kacomanolis (battereia e percussioni) e Ben Burrell (pianoforte), musicisti ricercati e appassionati, capaci di fondersi completamente e delicatamente con le sonorità che di brano in brano Carmen Suoza variava e modulava diversamente. Una serata terminata con una standing ovation che il pubblico ha voluto regalare agli artisti sull’ultimo brano.

Evento organizzato da Blue Note Milano in collaborazione con Parole e Dintorni che si ringrazia per la gentile disponibilità

Immagini e testo di Angela Bartolo