Nils Petter Molvaer e i giamaicani Sly Dunbar e Robbie Shakespeare

sly_e_robbye_neals_petter_molvaer

http://www.angelabartolo.it/wp-content/tn3/2/sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_28.jpg
  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_28

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_29

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_27

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_26

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_24

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_25

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_22

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_23

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_21

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_19

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_20

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_17

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_18

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_16

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_15

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_13

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_14

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_12

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_10

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_11

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_08

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_09

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_06

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_07

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_05

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_03

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_04

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_02

  • sly_robbye_neals_petter_molvaer_161123_01

Terzo appuntamento della stagione per Aperitivo in Concerto al Teatro Manzoni

Per il terzo appuntamento di Aperitivo in Concerto, un incontro particolarmente emblematico come quello fra un improvvisatore norvegese quale Nils Petter Molvaer e i giamaicani Sly Dunbar e Robbie Shakespeare.

All’apparenza potrebbe sembrare un incontro senza senso, se non fosse invece l’esempio alto della lezione di inclusività che solo il jazz sa offrire.

Un incontro che, nel suo apparente spiazzamento e stupore, rappresenta un cerchio che si chiude, dove il jazz assume pienamente il suo ruolo di strumento etico, forma democratica e concezione di vita.

Vi aspettiamo dunque per ascoltare una fra le più celebri sezioni ritmiche della musica degli ultimi trent’anni, quella appunto formata dai giamaicani Sly Dunbar (batteria) e Robbie Shakespeare (basso), insieme a un pioniere dell’electro-jazz come il poetico trombettista norvegese Nils Petter Molvær, con la collaborazione di due alchimisti dei suoni elettrici e elettronici più evocativi come il chitarrista Eivind Aarset e il mago dell’elettronica Vladislav Delay.